venerdì 16 luglio 2010

Colori ad Arte: cercasi giovani artisti

Colori ad Arte: cercasi giovani artisti: "

Colori ad Arte

Colori ad

Nasce il progetto “Colori ad ”, un modo per dare forma e colore alla propria città e, al tempo stesso, di fare i primi passi nel panorama dell’ urbana di .

A questo scopo, la Fondazione Contrada ONLUS lavorerà a fianco dell’artista trovando con lui i punti della città scelti per apportare un importante intervento artistico.


Nell’anno di Capitale Europea dei , la nostra città con il patrocinio della GAI (Associazione per il Circuito dei Artisti Italiani) e il sostegno della BJCEM (Biennale dei Artisti dell’Europa e del Mediterraneo) lancia il primo bando internazionale dedicato a tutti i under 35 che potranno dare un volto e una personalità a moltissime superfici vuote della città che necessitano di un nuovo aspetto.



Per proporvi dovrete visitare il sito internet dedicato alla manifestazione e consultare e compilare i documenti PDF presenti sul sito internet entro e non oltre il 31 luglio.


Auguriamo a tutti in bocca al lupo!


Fonte foto: contradatorino.org


Share/Bookmark

"

Progetto CASA: più autonomia per i giovani torinesi

Progetto CASA: più autonomia per i giovani torinesi: "

Progetto CASA

Progetto

Se siete giovani tra i 20 e i 30 anni e volete lasciare il nido ma non sapete come gestire le spese e i poveri guadagni che riuscite a mettere da parte alla fine di ogni mese, prendetevi qualche minuto e consultate il Progetto messo a punto dalla nostra città per poter avere accesso a un prestito, un Fondo Rotativo che si propone come un sostegno utile dedicato a tutti coloro che vogliano diventare indipendenti.


Il prestito offerto sarà erogato con la formula del Prestito d’Onore e obbliga a restituire il prestito senza interessi. Tutte le informazioni saranno offerte presso lo Sportello Abitare Giovani e le domande di prestito si potranno inoltrare a partire dal 7 settembre ma sul sito web è già disponibile qualche informazione semplice ed accessibile che vi aiuterà a comprendere se il Progetto è quello che fa per voi…



Per informazioni cliccate qui


Fonte foto: comune..it


Share/Bookmark

"

COLORI AD ARTE, BANDO PER GIOVANI ARTISTI

COLORI AD ARTE, BANDO PER GIOVANI ARTISTI: "

La Fondazione Contrada Torino onlus propone un bando internazionale rivolto ai giovani artisti per la riqualificazione, a Torino, di tre facciate cieche di edifici con differenti caratteristiche ambientali. La partecipazione e’ riservata ad artisti singoli o in gruppo, under 35, residenti in Europa. Iscrizioni entro il 31 luglio. E’ una iniziativa di Torino 2010 European Youth Capital.

"

C.A.S.A. PER I GIOVANI TORINESI

C.A.S.A. PER I GIOVANI TORINESI: "

Grazie al progetto “C.A.S.A. Ciascuno A Suo Agio” i giovani dai 20 e i 30 anni, residenti a Torino, che intendono andare a vivere per proprio conto potranno ricevere un prestito d’onore fino a 3.500 euro senza interessi da restituire in 3 anni per coprire le prime spese della nuova abitazione. E’ previsto anche un fondo di garanzia per i proprietari che affittano ai giovani. Domande a partire dal 7 settembre. Informazioni disponibili allo sportello Abitare Giovani in via delle Orfane 20 presso il centro InformaGiovani.

"

NoTAV-NoTIR : Accampamento esplorativo della Maddalena-Chiomonte dal 15 al 18 luglio

NoTAV-NoTIR : Accampamento esplorativo della Maddalena
-Chiomonte dal 15 al 18 luglio
: ""

Una donna dell'Aquila

Una donna dell'Aquila

......Ieri mi ha telefonato l'impiegata di una società di recupero crediti, per conto di Sky. Mi dice che risulto morosa dal mese di settembre del 2009. Mi chiede come mai. Le dico che dal 4 aprile dello scorso anno ho lasciato la mia casa e non vi ho più fatto ritorno. Causa terremoto. Il decoder sky giace schiacciato sotto il peso di una parete crollata. Ammutolisce. Quindi si scusa e mi dice che farà presente quanto le ho detto a chi di dovere. Poi, premurosa, mi chiede se ora, dopo un anno, è tutto a posto. Mi dice di amare la mia città, ha avuto la fortuna di visitarla un paio di anni fa. Ne è rimasta affascinata. Ricorda in particolare una scalinata in selci che scendeva dal Duomo verso la basilica di Collemaggio. E mi sale il groppo alla gola. Le dico che abitavo proprio lì. Lei ammutolisce di nuovo. Poi mi invita a raccontarle cosa è la mia città oggi. Ed io lo faccio. Le racconto del centro militarizzato. Le racconto che non posso andare a casa mia quando voglio. Le racconto che, però, i ladri ci vanno indisturbati. Le racconto dei palazzi lasciati lì a morire. Le racconto dei soldi che non ci sono, per ricostruire. E che non ci sono neanche per aiutare noi a sopravvivere. Le racconto che, dal primo luglio, torneremo a pagare le tasse ed i contributi, anche se non lavoriamo. Le racconto che pagheremo l'i.c.i. ed i mutui sulle case distrutte. E ripartiranno regolarmente i pagamenti dei prestiti. Anche per chi non ha più nulla. Che, a luglio, un terremotato con uno stipendio lordo di 2.000 euro vedrà in busta paga 734 euro di retribuzione netta. Che non solo torneremo a pagare le tasse, ma restituiremo subito tutte quelle non pagate dal 6 aprile. Che lo stato non versa ai cittadini senza casa, che si gestiscono da soli, ben ventisettemila, neanche quel piccolo contributo di 200 euro mensili che dovrebbe aiutarli a pagare un affitto. Che i prezzi degli affitti sono triplicati. Senza nessun controllo. Che io pago ,in un paesino di cinquecento anime, quanto Bertolaso pagava per un appartamento in via Giulia, a Roma. La sento respirare pesantemente. Le parlo dei nuovi quartieri costruiti a prezzi di residenze di lusso. Le racconto la vita delle persone che abitano lì. Come in alveari senz'anima. Senza neanche un giornalaio. O un bar. Le racconto degli anziani che sono stati sradicati dalla loro terra. Lontani chilometri e chilometri. Le racconto dei professionisti che sono andati via. Delle iscrizioni alle scuole superiori in netto calo. Le racconto di una città che muore. E lei mi risponde, con la voce che le trema. " Non è possibile che non si sappia niente di tutto questo. Non potete restare così. Chiamate i giornalisti televisivi. Dovete dirglielo. Chiamate la stampa. Devono scriverlo." Loro non scrivono, voi fate girare...

.....http://www.dillinger.it/wp-content/uploads/terremoto-aquila.jpg..
...











...